Comunicati stampa

Progetto di ricerca “Pompei Accessibile”

Siglato l’Accordo Quadro tra Fondazione Deloitte, Università degli Studi di Napoli Federico II e Soprintendenza Archeologica di Pompei 

Presentata l’iniziativa “500 metri senza ostacoli. Fondazione Deloitte per Pompei accessibile” che renderà accessibile anche a persone disabili le Terme Suburbane di Pompei

15 febbraio 2015 - È stato siglato oggi l’Accordo Quadro per il finanziamento del progetto di ricerca “Pompei Accessibile. Linee guida per una fruizione ampliata del sito archeologico” tra Fondazione Deloitte, l’Università degli Studi di Napoli Federico II e la Soprintendenza Archeologica di Pompei.

Il progetto, avviato lo scorso dicembre in occasione della Giornata Mondiale della Disabilità e alla presenza del Ministro per i Beni Culturali e il Turismo Dario Franceschini, ha già permesso  l’inaugurazione di un percorso per rendere accessibili le domus e gli edifici più significativi del sito archeologico di Pompei alle persone con difficoltà motorie. Con l’accordo di oggi, Fondazione Deloitte si impegna a migliorare quanto già realizzato, finanziando un ulteriore tratto di itinerario lungo 500 metri che collega la via principale alle Terme Suburbane di Pompei e che contribuisce alla costituzione del più lungo percorso italiano di accessibilità universale a un sito archeologico.

“Siamo orgogliosi di essere la prima realtà privata a contribuire a un progetto pubblico che mira a migliorare l’accessibilità a uno dei patrimoni dell’umanità più conosciuti al mondo, permettendo anche a persone disabili di visitarne zone prima difficilmente accessibili”, dichiara Paolo Gibello, Presidente della Fondazione Deloitte. “Nonostante la nostra realtà sia appena nata, ci poniamo obiettivi ambiziosi e crediamo che questa collaborazione possa innescare un circolo virtuoso in grado di incoraggiare altre aziende a seguire i nostri passi”. 

"L'investimento della Fondazione Deloitte sul progetto Pompei accessibile rappresenta un esempio virtuoso di collaborazione tra istituzione pubblica e impresa privata. Qualità della ricerca, impatto sulla società e ricadute positive sul nostro patrimonio culturale sono fattori determinanti per una università che sia reale motore di sviluppo della società”, continua il Rettore Gaetano Manfredi dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il progetto avrà una durata di tre anni e sarà coordinato scientificamente dalla Prof.ssa Renata Picone del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Per il primo anno il gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura, grazie al sostegno economico di Fondazione Deloitte, affronterà il tema dell’accessibilità e della valorizzazione delle Terme Suburbane di Pompei, uno dei punti più famosi del sito archeologico ma attualmente anche tra i più difficili da raggiungere.

Nei due anni successivi verrà invece realizzato un percorso di 500 metri che permetterà appunto il collegamento con le Terme Suburbane di Pompei. Il principale interlocutore sarà la Soprintendenza Archeologica di Pompei, fermo restando il supporto per tutta la durata delle attività da parte di Fondazione Deloitte e dell’Università.

L'hai trovato interessante?