Vita in Deloitte

Claudio, Denise, Marta, Riccardo Welcome On Board!

Diamo un benvenuto alle nuove colleghe e colleghi che negli ultimi mesi sono entrati nel team Deloitte! Abbiamo intervistato alcuni di loro per chiedere loro di raccontarci la loro esperienza professionale in queste primi mesi e settimane di lavoro.

Ciao, ci parli di te e del tuo nuovo ruolo in Deloitte?

CLAUDIO (Regulatory Risk Consultant, DELOITTE RISK ADVISORY): Ciao, sono Claudio D’Antonoli e da gennaio sono diventato un nuovo Consultant di Deloitte Risk Advisory, per il team Regulatory Risk. Lavoro principalmente su tematiche ESG e Insurance collaborando con le maggiori compagnie italiane. In ambito ESG aiutiamo le aziende ad interfacciarsi con le nuove sfide che la Comunità Europea richiede per sviluppare prodotti sostenibili. In merito alle tematiche Insurance mi occupo principalmente delle analisi quantitative dato il mio background matematico, e in merito a questo supporto tutto il team.

DENISE (Audit Assistant, DELOITTE AUDIT & ASSURANCE): Sono Denise Viviani, ho 24 anni e sto concludendo l’ultimo anno di Laurea Magistrale all’Università. Da marzo sono Assistente 1 Revisore presso l’Ufficio di Milano – GFSI, la mia esperienza in Deloitte è però iniziata a settembre tramite stage curriculare. Il mio ruolo, dopo l’assunzione, formalmente non è mutato ma, di fatto, mi rendo conto che svolgo le mie attività quotidiane con maggiore consapevolezza e, avendo chiaro l’obiettivo finale, mi muovo e organizzo in maniera differente. Soprattutto mi sento in una posizione di maggiore responsabilità in quanto so che chi è intorno a me, che mi ha dedicato quotidianamente tempo ed energia, ha maggiori attese dai miei output.

MARTA (Business Analyst, CONSULTING): Ciao, sono Marta Paganelli, ho 25 anni e vengo da Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini. Sono una neolaureata del corso di Laurea Magistrale in Marketing Management con Major in Big Data e Business Analytics all’Università Bocconi. Nel mio percorso formativo si sono rivelati di estrema importanza i due anni vissuti all’estero, in tre diversi continenti; in Colombia ho trascorso il quarto anno delle scuole superiori, uscendo per la prima volta dalla mia comfort zone, in Belgio durante l’Erasmus mi sono avvicinata al mondo della consulenza strategica, mentre in India ho avuto l’opportunità di acquisire competenze analitiche in ambito Business Analytics. Dopo brevi esperienze lavorative in un’agenzia di comunicazione e in una multinazionale americana del settore IT, sono entrata a febbraio in Monitor Deloitte, all’interno della Market Offering Strategic Transformation & Organic Growth, come Business Analyst, motivata da una forte passione per la consulenza strategica.

RICCARDO (Government and Public Services Analyst, CONSULTING): Ciao, sono Riccardo Raso e sono stato assunto in Deloitte a febbraio 2021; ad oggi mi occupo di attività di Project Management per conto di un grande cliente Public (ANAS). Mi sono laureato in Public Management due anni fa con il massimo dei voti e mi sento molto stimolato dalle attività che tutti i giorni mi ritrovo a svolgere vista la forte attinenza con il mio background sia accademico che lavorativo. Amo moltissimo il cibo e lo sport, sono infatti un ottimo cuoco ed uno sportivo accanito!

Cosa ti ha spinto a scegliere Deloitte?

CLAUDIO: Sono stato contattato da una recruiter di Deloitte per una possibile opportunità e da lì nacque una piacevole conversazione, mi sentii molto a mio agio e questo mi disse già molto dell’ambiente con il quale mi stavo confrontando. Durante il colloquio mi vennero illustrate tutte le caratteristiche della job position e fui catturato dalla possibilità di poter lavorare su tematiche ESG, un mondo tutto da scoprire. Al contempo mi fu proposto di continuare in parallelo a lavorare su tematiche Insurance, settore per il quale avevo già lavorato per oltre un anno e mezzo il che aveva aumentato il mio entusiasmo per la posizione.
Ciò che però mi ha realmente spinto ad entrare in Deloitte è stata la conversazione avuta con il mio Director. Mi trovai di fronte ad una persona super disponibile e molto preparata dal punto di vista tecnico e dalla quale avrei potuto apprendere tantissimo. Capii allora che era la scelta giusta per me e decisi pertanto di entrare in Deloitte.
Concludendo, ciò che mi ha spinto a scegliere Deloitte è stato un ambiente dinamico e appagante dal punto di vista professionale ma che sa lasciare spazio alle esigenze personali.

DENISE: Sin dal primo anno di Università la contabilità mi ha sempre interessato particolarmente e ho capito che sarebbe stato ciò di cui volevo occuparmi.
Durante il primo anno di magistrale l’Università ha organizzato un incontro con 4 referenti, accompagnati da 4 dipendenti delle Big Four delle Società di Revisione per farci conoscere l’ambiente e tra queste c’era anche un referente di Deloitte.
Uscita da quell’incontro avevo deciso che nel momento in cui avrei mandato le application di stage il mio primo obiettivo sarebbe stato quello di entrare proprio in Deloitte: le parole del referente, il modo di rapportarsi con il pubblico, l’entusiasmo della ragazza che ci raccontava la sua esperienza quotidiana, l’ambiente così dinamico e in cambiamento costante mi avevano fatto venire tanta voglia di provare ad entrare in quel mondo.

MARTA: Durante il mio percorso accademico, ho avuto l’opportunità di sperimentare le attività tipiche della consulenza entrando a far parte di un network di studenti incentrato su questa tematica e partecipando ad un In-Company Training in Consulting. Queste esperienze, oltre a permettermi di sviluppare competenze quali il problem-solving e il team working, si sono rivelate utili per comprendere il tipo di realtà lavorativa che meglio si addicesse al mio background ed alle mie ispirazioni. Di conseguenza, ho scelto di entrare a far parte di una società strutturata e riconosciuta sul mercato, con presenza internazionale e valori, come il rispetto della diversità e l’integrità, che condivido. Inoltre Monitor Deloitte, a differenza dei principali competitors diretti, è inserito all’interno di un network; le sinergie con le altre divisioni Deloitte rappresentano un asset fondamentale per generare valore al cliente e favorire il confronto interno con persone con know-how e competenze complementari.

RICCARDO: Sin da bambino ho sempre sognato di lavorare in un ambiente dinamico e multiculturale dove il rispetto ed il valore delle persone è posto al centro dell’organizzazione. I valori di Deloitte rispecchiavano la mia persona e ad oggi posso avere conferma di tutto ciò. Inoltre, lavorare per un’azienda Leader come Deloitte mi avrebbe consentito di interfacciarmi con obiettivi sfidanti ed impegnativi, stimolandomi e riducendo al minimo la monotonia del lavoro. Far parte di Deloitte per me significa avere la possibilità di conoscere persone interessanti, professionali e competenti oltreché poter far parte di un network presente su tutto (o quasi) il tessuto mondiale.
Infine, grazie a Deloitte ho avuto modo di ottenere il lavoro dei miei sogni senza però accettare compromessi; sono “figlio del Sud Italia” e nonostante abbia avuto la possibilità di lavorare nella più internazionale delle aziende ho l’opportunità di vivere nella mia città natale (Napoli) potendo così, nel mio piccolo, contribuire ad accrescere e migliorare il mio territorio.

Cosa hai sperimentato sinora e cosa ti aspetti da questa nuova avventura?

CLAUDIO: Ad oggi ho avuto modo di interfacciarmi con un bellissimo team composto da persone che hanno voglia di fare e di crescere insieme. Fin da subito mi sono sentito accolto e abbiamo creato un’ottima intesa. Ad oggi penso sia davvero difficile trovare un team con il quale sentirsi a proprio agio in società di queste dimensioni. Con mia grande sorpresa invece ho trovato un ambiente in cui è facile confrontarsi ed esprimere le proprie idee. Per il futuro spero innanzitutto che non si tratti solo di un’avventura ma soprattutto spero di poter continuare a crescere e di poter esprimere sempre al meglio il mio potenziale. Infine spero di poter sempre aiutare il mio team al meglio e di supportare allo stesso modo i nuovi arrivati così come sono stato supportato io al mio ingresso.

DENISE: Durante il primo mese di formazione quotidianamente c’era sempre qualcosa di nuovo da imparare sui programmi da utilizzare, sulla metodologia di revisione o semplicemente sul funzionamento quotidiano della giornata lavorativa. I compiti che poi mi sono stati successivamente assegnati mi hanno fatto crescere veramente tanto, sia dal punto di vista umano, che professionale e pratico. La sfida nel momento in cui sono passata da un Job all’altra è stata proprio: capire cosa avessi io dare nel Team, cosa potessi imparare e come pormi al meglio con il Senior per poter rendere più fruttuoso possibile quel rapporto.
Attualmente ciò che più mi aspetto, e che forse desidererei maggiormente, sarebbe avere l’occasione di lavorare in modalità “pre-covid”. Quasi tutti i miei colleghi più esperti mi hanno detto che lavorando sempre e solo da casa si perde una parte veramente importante dell’esperienza e i rapporti che si stringono sono effettivamente più solidi.

MARTA: La realtà lavorativa di Monitor Deloitte è stimolante perché è si viene coinvolti su progetti relativi a diverse industry, con esposizione sul cliente, a fianco di colleghi estremamente brillanti e competenti. Al momento, sto collaborando in un progetto di Geo-Expansion per una società operante in ambito food service. Grazie a questo progetto, sto approfondendo le peculiarità un’industry di mio interesse e sviluppando capacità di analisi e realizzazione di deliverable. Da queste nuova sfida, mi aspetto di poter continuare a sperimentare e formarmi giorno dopo giorno, di instaurare rapporti duraturi e di poter crescere professionalmente ed umanamente, “making an impact that matters”.

RICCARDO: Mi sento un “professionista” più che un “dipendente”!
A distanza di circa 3 mesi dall’assunzione ho avuto modo di imparare moltissimo grazie a tutte le persone del Team in cui sono stato inserito. Ogni giorno è diverso dal precedente consentendomi di interfacciarmi con personalità e tematiche sempre differenti. Nel mio Team nulla è più rispettato dell’anglosassone frase “Sharing is caring!”: tutti sono disposti ad aiutarti senza nessuna irrequietezza e ciò mi consente di apprendere molto più velocemente.
Spero di continuare a crescere in questa “big family” sia a livello professionale che a livello interpersonale! Ad oggi considero Deloitte ed i membri del mio team come una seconda famiglia nonostante li abbia conosciuti per ora solo in modalità virtuale.

L'hai trovato interessante?