Vita in Deloitte

Raffaele Attruia

Con l’emergenza Coronavirus ci siamo trovati a cambiare le nostre abitudini e il nostro modo di lavorare. Ciononostante abbiamo saputo non solo adattarci, ma anche trarre il meglio da questa situazione. Leggi di come le nostre persone hanno saputo affrontare questi cambiamenti nel lavoro e nella vita di tutti i giorni.

Abbiamo chiesto a Raffaele, consulente e musicista fuori dall’ufficio, cosa ne pensa lui del lavoro agile:

Ciao Raffaele, come è cambiato il tuo modo di lavorare?

Non credo che il lavoro agile abbia modificato il mio modo di lavorare, semplicemente utilizzo strumenti diversi per traguardare gli obiettivi progettuali. Svolgiamo un lavoro in cui la capacità di adattamento a situazioni e contesti diversi deve essere massima. Questa è una nuova sfida…anzi, un’opportunità!

Con la riduzione degli spostamenti avrai guadagnato più tempo per te, come lo stai impiegando?

Mi dedico maggiormente alle mie passioni: sport e musica. Cerco di allenarmi quotidianamente in casa facendo attività a corpo libero o con attrezzi che mi sono fatto spedire a casa, e in più suono la mia chitarra…Questo weekend ho intrattenuto il vicinato cantando canzoni dal balcone! E da ultimo, dormo di più!

Che consiglio daresti ai tuoi colleghi per trarre il meglio da queste giornate di lavoro agile?

In questi giorni tutti dispensano consigli su come vivere al meglio le nostre giornate in casa. Oltre a dare il massimo lavorativamente parlando, credo che questo sia un tempo propizio per mettersi in profondo contatto con se stessi, un tempo per “ascoltarsi” e per impostare al meglio il dopo-quarantena…non solo in termini di cose da “fare”, ma soprattutto per un nuovo modo di “essere” e tornare alla normalità più forti e determinati di prima, ma soprattutto più veri!

L'hai trovato interessante?