Analisi

Renting in Italy

A Key to SMEs Reboot, post Covid-19

I cambiamenti macroeconomici e generazionali stanno spostando il focus degli imprenditori dal possesso all’esperienza nell’utilizzo di beni produttivi, con impatti diretti sui modelli di business di società finanziarie e non.

L’Italia è il paese Europeo con il divario maggiore fra introiti familiari e patrimonio (finanziario e non). Questa discrepanza deriva, da un lato, dalla stagnazione del reddito che ha avuto luogo nell’arco degli ultimi 20 anni e, dall’altro, dal retaggio culturale post-bellico che ha formato il tipico “baby-boomer” al risparmio e alla “assettizzazione” per garantire ai suoi figli un futuro migliore.

Questa cultura è un fenomeno che ha caratterizzato il mondo aziendale, soprattutto le PMI, che rappresentano il 65% del valore aggiunto Italiano e che sono cresciute in numero e valore dopo la crisi petrolifera degli anni ’70. Tuttavia, negli ultimi anni si sta assistendo ad un’inversione di tendenza che evidenzia una diminuzione del valore di asset non-finanziari posseduti dalle PMI (-1,5% CAGR 2012-2019), rispetto all’incremento del PIL (e produzione) nonché del ROA delle stesse PMI (dal 3,1% nel 2012 a 4,9% nel 2019).

Considerando che gli investimenti fissi complessivi sono cresciuti negli ultimi anni in Italia, è possibile quindi affermare che sia in corso un processo progressivo di concentrazione di asset nelle mani di pochi fornitori di servizi e “owner” specializzati, mentre il resto dell’economia si sta orientando verso un modello fondamentalmente basato sui servizi, dando il via alla cosiddetta era del ”Everything As-A-Service (Xaas)”.

Scarica il report

Equipment-as-a-service

Lo spostamento di focus dal possesso all’esperienza crea un terreno fertile per lo sviluppo di economie di scala e di scopo. In tale contesto, il renting (strumentale) diventa un pilastro della cultura della servitization, poiché permette agli imprenditori di:

  • Ridurre le barriere all’ingresso per l’avvio di nuovi business
  • Migliorare l’efficienza fiscale e la propria esposizione creditizia
  • Efficientare l’allocazione di risorse facilitando la pianificazione dei flussi di cassa
  • Sfruttare un modello di gestione end-to-end degli asset, che copre installazione, manutenzione, sostituzione, smaltimento ed altri servizi a valore aggiunto, permettendo all’imprenditore di ottenere maggiore flessibilità operativa

“Non si parla più di prodotti fisici, ma di esperienza e risultati. I prodotti sono solo un fine per uno scopo, di conseguenza I clienti sono più interessati ad accedere ad un bene piuttosto che averne la proprietà.”

Gil Adato, Vice President Digital Health, Philips

“Durante il periodo di lock-down, molte aziende sono state testimoni di un crollo delle proprie vendite, ma il noleggio può rappresentare una risposta immediata alla crisi per molte di esse”

Gabriele Ronco, CEO, Intesa Sanpaolo Rent Foryou

“Il noleggio, per l’inclusione dei numerosi servizi accessori (e.g. manutenzione, sostituzione, etc.), è un prodotto non-finanziario molto tecnico. In Never Buy, il nostro obiettivo di lungo termine è di fornire il modo più rapido e veloce di noleggiare beni, direttamente dal tuo telefono: un modello di distribuzione di beni fisici con una piattaforma fintech alle spalle”

Alessandro Malgioglio, Founder & CEO, Never Buy

Questo nuovo modello economico sta trovando terreno fertile tra “Millennial” e giovani imprenditori con una prospettiva diversa sul concetto di proprietà, spingendo, da un lato, produttori ed istituzioni finanziarie a rafforzare la loro posizione nel comparto e, dall’altro, incumbent (grandi banche ed intermediari) e challenger (aziende tecnologiche) a sviluppare strategie di ingresso nel mercato ed iniziative di business dedicate, anche tramite partnership ed M&A.

In un mondo fortemente colpito dalla crisi economica portata dal COVID-19, il noleggio si configura come uno strumento strategico non solo per la ripresa delle PMI e per la pianificazione della crescita futura, ma anche per favorire il focus sull'“economia circolare” e, più in generale, sull’ESG, entro il tessuto economico italiano.

Key Take-aways

L'hai trovato interessante?