Analisi

Gruppo di Studio – Tax Milano

In questa sezione vengono raccolti i lavori e le pubblicazioni del Gruppo di Studio dello Studio Tributario e Societario – Deloitte Società tra Professionisti.

I materiali vengono resi disponibili mediante pubblicazione di un abstract, di un link alla rivista specialistica di riferimento e di un breve file audio di sintesi.

Il Gruppo di Studio, nato nel 2020, è composto da una ventina di professionisti di diverse seniority e si pone tre obiettivi: formazione, informazione e divulgazione.

La formazione è indirizzata ai membri del Gruppo e si sostanzia nella raccolta e nell’approfondimento di documentazione tributaria (dottrina, prassi e giurisprudenza) da discutere durante riunioni periodiche e strettamente attinente l’attività professionale dello Studio.

L’informazione è rivolta a tutti i colleghi dello Studio ed è perseguita attraverso l’aggiornamento continuo di un apposito database interno, che accoglie - sistematicamente e per argomento - i materiali raccolti e discussi durante le riunioni del Gruppo di Studio.

La divulgazione è il terzo ed ultimo obiettivo del Gruppo di Studio, rivolto ai clienti e agli altri professionisti del diritto tributario esterni allo Studio. Questo obiettivo è perseguito attraverso la pubblicazione da parte dei membri del Gruppo di articoli e note di approfondimento, talvolta aventi ad oggetto casi rinvenienti dall’attività professionale, su riviste specialistiche e scientifiche. 

Questa sezione del sito vuole dare viva voce all’obiettivo divulgativo, attraverso la pubblicazione di file vocali che rendano fruibili in pillole gli approfondimenti tributari pubblicati dai membri del Gruppo di Studio che - in pochi minuti - avranno il piacere di condividere i contenuti tecnici dei loro lavori.

Buon ascolto!

Il Gruppo di Studio

Rivista di Diritto Tributario

Visita il sito

Operazioni conduit sui pagamenti di dividendi: la giurisprudenza di merito fa proprie le indicazioni delle c.d. sentenze danesi

Autori: Nicola Catucci e Lorenzo Giannico leggi l'articolo pubblicato su Rivista telematica di Diritto Tributario il 31 luglio 2020

La sentenza in commento concerne l’applicazione della Direttiva UE 30 novembre 2011, 2011/96/UE (c.d. Direttiva Madre-Figlia) a dividendi corrisposti da una società italiana alla propria controllante residente in Germania, la quale ha immediatamente ritrasferito tali dividendi alla propria controllante anch’essa non residente nel territorio dello Stato.

Nella pronuncia in oggetto, i giudici, richiamando quanto espresso dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea nelle cause C-116/16 e C-117/16, hanno disposto che il requisito del “beneficiario effettivo” non è rilevante in tali fattispecie, in quanto non espressamente prescritto dalla normativa europea e da quella nazionale. Nondimeno, viene espresso il principio secondo il quale, per tale tipologia di contestazioni, si dovrebbe procedere opponendo l’applicazione delle disposizioni in materia di abuso del diritto.

Il regime fiscale delle riserve di rivalutazione alla luce dei recenti orientamenti dell’Amministrazione finanziaria

Autori: Elena FIorina. Leggi l'articolo pubblicato su Rivista telematica di Diritto Tributario il 16 aprile 2021 

La risposta ad un interpello non pubblicato ci offre l’occasione per una riflessione sul regime fiscale delle riserve di rivalutazione. Il presente contributo intende analizzare infatti tale regime e valutare la legittimità della tesi dell’Amministrazione finanziaria volta a ravvisare un presupposto impositivo nel caso di utilizzazione di tali riserve per scopi diversi dalla distribuzione o attribuzione ai soci o partecipanti.

Brevi note in merito ad alcuni aspetti tributari dell’affitto di azienda in un’ottica di neutralità fiscale

Autori: Elena Fiorina leggi l'articolo pubblicato su Rivista telematica di Diritto Tributario il 25 novembre 2020

Il contributo intende esaminare gli effetti, ai fini della determinazione del reddito di impresa, di taluni elementi patrimoniali, segnatamente beni strumentali e crediti, facenti parte dell’azienda affittata argomentando il relativo trattamento tributario in un’ottica di neutralità fiscale. Il presente articolo affronta inoltre la vexata quaestio della natura dell’ammortamento deducibile ex art. 102, comma 8, TUIR, in ottica di rispetto del principio della capacità contributiva del soggetto affittuario.

Considerazioni intorno alla decadenza dal potere di accertamento in caso di componenti reddituali ad efficacia pluriennale

Autori: Francesco Pedrotti, leggi l'articolo pubblicato su Rivista di Diritto Tributario n.2 del 2021

L’analisi ermeneutica dell’art. 43, comma 1, del DPR n. 600/1973, alla luce dei diversi argomenti interpretativi, induce a ritenere che l’amministrazione finanziaria debba contestare un componente reddituale ad efficacia pluriennale entro il termine previsto per la rettifica della dichiarazione relativa al periodo di imposta in cui esso è stato sostenuto.

Criticità della disciplina anti-ibridi alla luce dei principi di determinazione del reddito d’impresa (Parte prima)

Autori: Nicola Catucci e Federico Scimenes, leggi l'articolo pubblicato su Rivista di Diritto Tributario dell'11 gennaio 2021 

La complessa interazione tra le discipline anti-ibridi di matrice internazionale (OECD BEPS Project Action 2), e di matrice unionale (Direttiva UE 2017/952 del Consiglio, 29 maggio 2017, “ATAD II”) con la disciplina “check-the-box” di origine statunitense è già da diversi anni oggetto di dibattito dottrinale. Il dibattito sembra però assumere profili critici in presenza di una remunerazione “cost plus” nell’ambito di servizi infragruppo, specie nelle giurisdizioni che hanno adottato la disciplina prevista dalla Direttiva (UE) 2017/952. Il presente lavoro ha l’obiettivo, in primo luogo, di descrivere l’interazione cui si è fatto cenno poc’anzi prendendo le mosse da un caso tratto dalla pratica professionale e, in secondo luogo, di illustrare i possibili effetti distorsivi prodotti dalla menzionata interazione alla luce della normativa anti-ibridi domestica.

L'hai trovato interessante?