Posted: 12 Jun. 2020 4 minuti Tempo di lettura

Innovation Reshaping

Integrare stabilmente l’innovazione nella realtà aziendale per affrontare i cambiamenti futuri

L’antidoto alla crisi che stiamo vivendo è rappresentato dall’innovazione, intesa come elemento chiave per competere efficacemente in uno scenario complesso e mutevole, ma anche in ottica futura, come transizione delle aziende verso ciò che diventerà la nuova normalità. Officine Innovazione vuole contribuire a questa trasformazione attraverso Innovation Reshaping, un approccio all’innovazione a supporto delle imprese che si trovano ad affrontare l’emergenza da Covid-19, in grado di tenere in considerazione le caratteristiche delle singole realtà aziendali, le peculiarità del contesto presente e le sfide future.

Quest’approccio è strutturato in tre fasi: parte dalla comprensione del contesto esterno all’azienda, per poi spostare il focus sulle sue specificità interne, concentrandosi sull’identificazione e l’analisi delle variabili d’innovazione. Infine si definiscono raccomandazioni concrete per promuovere l’innovazione all’interno dell’azienda e trarne valore. Al termine di questo processo è possibile strutturare un action plan pragmatico, che le aziende dovranno attuare per far fronte alla fase di ripresa dalla crisi causata dal dilagare della pandemia che stiamo vivendo.

Nel corso della prima fase è utile comprendere il contesto esterno, identificando trend sociali e tecnologici d’impatto sul proprio mercato ma anche in quelli affini, confrontarsi con le altre aziende che operano nel medesimo settore (per trovare nuove idee e identificare opportunità da cogliere) e analizzare le azioni di successo intraprese dagli altri leader.
Lo step successivo si concentra sull’analisi delle variabili d’innovazione più rilevanti per ogni singola azienda, in base al settore e alle proprie peculiarità, per comprendere come il focus su ciascuna di queste sia stata modificata dalla diffusione del virus. Alcuni esempi sono l’orizzonte temporale dei piani di innovazione, che si è andato sempre di più riducendo, o la copertura della value chain dell’innovazione, sempre di più focalizzata nella sua fase finale, concentrandosi su progetti con maturità più avanzata (come ad esempio piloti industriali), riducendo incertezza e raggiungendo il mercato con soluzioni concrete.
Nella terza fase bisogna razionalizzare gli step precedenti ed esprimere alcune raccomandazioni per guidare l’azienda e sostenere l’innovazione al suo interno. Queste devono essere concrete e capaci di condurre a delle azioni tangibili di facile identificazione.

Il risultato di questo percorso conduce a un piano di sviluppo dettagliato di iniziative di breve e di lungo periodo, da implementare secondo le tempistiche definite. Questo deve diventare lo strumento guida dei responsabili dell’innovazione nella singola azienda, da diffondere all’interno di tutta l’organizzazione e che potrà facilitare l’azienda nella fase di ripresa dalla crisi e di preparazione alla nuova normalità. Elementi chiave per un action plan di successo sono da un lato l’aggiornamento periodico del piano per tener conto di tutte le opportunità messe a disposizione dal mercato e, allo stesso tempo, saper far fronte alla realtà contingente; dall’altro, di primaria importanza, risulta la definizione degli obiettivi di ogni singola iniziativa e la selezione delle persone chiave responsabili per ognuna di esse.

Innovation Reshaping rappresenta il primo passo di un percorso di rinnovamento dell’azienda, con l’obbiettivo di integrare stabilmente un approccio efficace all’innovazione nella realtà aziendale. Non solo per rispondere alle sfide del presente che la pandemia sta imponendo, ma anche per rendere l’azienda resiliente e pronta per ad affrontare i cambiamenti futuri.

Scarica il report

L’innovazione, da oggi in poi

Scopri di più sull'autore

Andrea Poggi

Andrea Poggi

Innovation Leader, NSE | C&I Leader, DCM

Andrea è Senior Partner, membro del Comitato Esecutivo per Deloitte Nord e Sud Europa (NSE). E’ Leader dell’Innovazione per il network NSE ed è responsabile del Mercato per l’Europa centro-mediterranea, guidando la practice “Clients & Industries”. Andrea è appassionato dei temi di innovazione, crede nell’approccio multidisciplinare che olisticamente integri asset innovativi e tecnologici con nuovi modelli di business. Ha sviluppato la sua carriera consulenziale principalmente nei settori finanziari ed assicurativi. E' considerato un punto di riferimento dalla business community, regolarmente invitato alle piu’ influenti conferenze istituzionali italiane ed europee. Con un’esperienza manageriale di circa 25 anni sulla catena del valore di grandi multinazionali finanziarie e società di consulenza, è anche il fondatore in Europa Centro-Mediterranea di Monitor, la boutique di consulenza strategica di Deloitte, che ha posizionato nel mercato con una forte connotazione esecutiva. In passato, Andrea è stato top manager in un primario Gruppo assicurativo nonché docente universitario e autore di diversi libri, inclusi testi accademici. Regolarmente intervistato dai principali media, pubblica spesso articoli manageriali sulla stampa e su testate specializzate.