Nuova mobilità

Article

Nuova mobilità: quali impatti e opportunità

La nuova mobilità è un fenomeno industriale concreto e sempre più strategico per diversi settori industriali, sia per quelli storicamente connessi al mondo dell’auto sia per altri non tipicamente legati alla mobilità. Le innovazioni tecnologiche e i cambiamenti del comportamento dei clienti stanno, infatti, delineando una forte trasformazione e sono sempre di più gli operatori che, a vario titolo, stanno investendo per avere un ruolo in questo nuovo ecosistema.

Nell’indagine condotta da Deloitte sulla mobilità si evince che il settore sta vivendo in questi anni una forte trasformazione sia dal lato della domanda sia da quello dell’offerta, grazie anche all’utilizzo delle nuove tecnologie.

Cambiamenti della domanda

Gli italiani, chiamati a ragionare su un arco temporale che guarda ai prossimi 3 anni, si dimostrano più propensi rispetto alla media europea ad utilizzare nuovi servizi di mobilità, per i quali si prevede un incremento nell’adozione: in primis il car sharing, seguito da bike sharing, NTL e car pooling, a fronte di una leggera contrazione dell’impiego delle vetture private (-2%).
La scelta del mezzo di trasporto viene influenzata anche dagli impatti ambientali: otto italiani su dieci (67% in Europa) si dicono propensi a sostituire il loro attuale mezzo di trasporto con uno meno inquinante, seppur frenati dal prezzo di veicoli ecologici, che rappresenta un ostacolo al cambiamento per il 43% degli intervistati.

Nuove opportunità per altri settori

A fronte di una scarsa conoscenza di offerte di mobilità da parte di operatori non tradizionali (sei intervistati su dieci dichiarano di non averne mai sentito parlare), si riscontra invece una significativa apertura nei confronti degli stessi da parte dei consumatori.
Non sono solo i tech giant a poter trarre vantaggio da questo scenario in mutamento. 3 intervistati su 4 acquisterebbe servizi di mobilità da operatori tradizionalmente non legati alla mobilità. Tale elemento è riconducibile alla percezione di affidabilità del brand, che porta a rivolgersi a aziende note, che tipicamente operano in settori affini a quello della mobilità come l’ambito energetico (75%), assicurativo (74%), tecnologico (74%) o banche (58%).

Scarica il paper e approfondisci i nuovi scenari della mobilità

Giacomo Gargani

Executive
Monitor Deloitte | Strategy Consulting
ggargani@deloitte.it

Simone Massari

Senior Associate
Monitor Deloitte | Strategy Consulting
simassari@deloitte.it

L'hai trovato interessante?